Home AHA AHA Network Mostre Progetto AHA Video AHA AHA mailing list English_Version

HACKmit!
Medien und Kunst zum Leben (Media and Art to Live)

HACKmit! Medien und Kunst zum Leben (Media and Art to Live)
Dal 1 Maggio al 26 Agosto 2007
Opening: 1 Maggio 2007, 11am, MACHmit! Museum fuer Kinder (Museo per i bambini). Saluto d'apertura di Andreas Broeckmann, direttore artistico di TESLA, Laboratorio di Media Art di Berlino.
Indirizzo: Senefelderstr. 5, 10437 Berlino-Prenzlauer Berg
Orario di apertura: Da martedi' a domenica dalle 8.30 alle 18.00
Curato da: Tatiana Bazzichelli
Con: Minimal TV (Giacomo Verde, Federico Bucalossi e Vania Pucci); Gabriele Zaverio (FreakNet Medialab) e Aldo Cesar Fagà; Pigreca (Flavia Alman e Sabine Reiff); Simonetta Fadda; Sebastian Luetgert; Vittore Baroni; Bjoern Balcke; Anna Laudani e Giuliana Del Zanna.
Supportato da: Hauptstadt Kulturfonds Berlin (citta' di Berlino)
Foto di HACKmit + Download locandina: [Front] | [Back]


La mostra-evento HACK MIT! presso il MACHmit! Museum fuer Kinder (www.machmitmuseum.de) e' una mostra-evento sull'arte e nuovi media per i bambini, con particolare attenzione al concetto di hacking.

L'idea centrale e' portare i bambini vicini alle nuove tecnologie, come computers, video, televisione, e allo stesso tempo associare queste tecnologie all'ambito artistico, dalle classiche avanguardie (come Surrealismo, Dadaismo e Futurismo) al presente. Artisti tedeschi e italiani collaborano in networking per realizzare un progetto in cui i bambini possono imparare ad usare i media e allo stesso tempo divertirsi. L'obiettivo e' favorire un approccio creativo nell'uso delle tecnologie.

Concetto centrale e' l'autogestione creativa (do-it-yourself) e l'etica hacker. Gli hacker danno vita a una modalita' indipendente e alternativa di produrre informazione, sapere e comunicazione. Gli hacker vogliono condividere la conoscenza e battersi per la liberta' di comunicazione, con l'idea di rendere il sapere accessibile e di pubblico dominio.

Un punto di vista "hacker" nell'uso della tecnologia e' molto simile a quello che i bambini hanno verso gli oggetti d'uso quotidiano e la societa' in generale: i bambini imparano giocando e de-costruendo la realta', individuando nuovi significati e imprevedibili risultati.
Oggi, i bambini imparano presto ad usare i computer e la tecnologia, ma pochi di loro hanno la possibilita' di imparare a usarli in maniera critica, consapevole e non commerciale, comprendendo come i media possono essere facilmente rapportati all'arte e alla creativita'. Con questa mostra, i bambini possono capire che l'arte e' facile e che l'uso della tecnologia puo' essere anche attivo e consapevole.

Molte ricerche sono focalizzate nell'effetto negativo dei media sulla percezione della realta' da parte dei bambini e nella loro costruzione di paradigmi culturali e sociali. Ma se i bambini imparassero a usare i media consapevolmente, la tecnologia potrebbe farsi un importante strumento per creare, conoscere e realizzare arte. I media sono considerati nelle loro possibilita' creative, presentati evidenziando le loro diverse possibilita' di utilizzo e di interazione. L'arte diviene un'esprienza da condividere, una piattaforma di sperimentazione mediatica, offrendo un'opportunita' di partecipare direttamente, individualmente o in gruppo, al processo di creazione artistica.

La storia dell'arte contemporanea ha distrutto progressivamente il concetto di arte come proprieta'. Ha dato un valore maggiore al fruitore che, da semplice consumatore, diviene partecipante attivo dell'azione artistca. Il ruolo dell'artista come genio e creatore unico e' stato gradualmente trasformato, attraverso happening artistici che richiedono la partecipazione attiva del pubblico (da Fluxus alla Mail Art), facendo si' che il processo artistico possa essere controllato dalla spontaneita' creativa di chi vuole intervenire. Secondo questa prospettiva, e' possibile creare autonomamente la propria opera d'arte e il proprio medium autoprodotto.

Nella mostra-evento HACKmit l'idea centrale e' mostrare come l'arte e la tecnologia sono sempre piu' connesse, se si usano i media e il linguaggio in maniera autonoma e sperimentale. Da qui, e' possibile dare vita a un'hacker art e a pratiche artistiche di networking che vedono le persone, in questo caso i bambini, collaborare in maniera reticolare e inter-relazionale.

Diversi workshop mettono in relazione le culture dell'hacking e della sperimentazione artistica e mediatica italiane e tedesche. I bambini possono interagire con installazioni e progetti artistici, partecipare attivamente a laboratori video e usare il computer e la tecnologia secondo una prospettiva completamente nuova, imparando a conoscerli attivamente. Attraverso il gioco, sono svelati i retroscena che costruiscono la comunicazione mediatica. I bambini possono creare opere d'arte, come collages dadaisti e sculture surrealiste, ed essere coinvolti nel processo di networking della mail art entrando in contatto con altri mailartisti internazionali. Possono diventare artisti e costruire la propria trasmissione televisiva, presentando le proprie idee come reali registi televisivi. Possono fare arte con un'aspirapolvere, sperimentare l'arte del timbro e creare francobolli creativi.

-------------------------------------------------------------------------
Performance e workshop
-------------------------------------------------------------------------

Performance-laboratorio

La mostra si apre con la video-performance interattiva della Minimal TV (1-3 maggio 2007), realizzata dal gruppo italiano Quinta Parete. Con la Minimal TV, chiunque, almeno per un giorno, puo' fare la propria televisione. I bambini realizzano il proprio show televisivo insieme agli artisti della Minimal TV. E' possibile capire come funziona la televisione e imparare a percepire la differenza fra realta' e finzione!
Con: Giacomo Verde, Federico Bucalossi e Vania Pucci. Traduzione dall'italiano al tedesco: Clarita Zagaglia e Giuliana Del Zanna.
www.minimaltv.cjb.net

Workshop
I workshop sono realizzati da artisti italiani e tedeschi progressivamente nel corso della mostra.

RUUUUUMBLE: Workshop di stampa e suoni futuristi (by Gabriele Zaverio www.freaknet.org, Aldo Cesar Faga' www.nuncnet.org)

The interview Video Workshop (by Simonetta Fadda). Come si costruisce un'intervista usando la videocamera?

Linux Realizzare foto digitali e stampe grafiche per quadri, magliette e altri prodotti creativi con Free Software (by Bjoern Balcke www.photoperiodism.de)

Scrittura creativa (by Sebastian Luetgert www.textz.com).

-------------------------------------------------------------------------
Laboratori e postazioni creative
-------------------------------------------------------------------------

Postazioni creative
I bambini interagiscono direttamente con progetti nel campo dell'arte e della tecnologia. Si prevedono 7 diverse postazioni:

1. Dadaismo
"Dada Sprechen" (Parlare Dada)
Progetto DADA di Giuliana Del Zanna e Anna Laudani.

2. Surrealismo
"Ich und mein Traum" (Io e il mio sogno)
Un progetto surrealista di Giuliana Del Zanna e Anna Laudani.

3. POSTmit!
"Ein 5-jaehriges Kind kann dies tun!" (Anche un bambino di 5 anni puo' farlo!)
Un progetto di mail art coordinato da Vittore Baroni
in networking con: Martha Aitchison (UK), buZ blurr (USA), Gregory T. Byrd (USA), Bruno Capatti (IT), David Dellafiora (Australia), Mike Dickau (USA), Jas W Felter (Canada), John Held Jr. (USA), Jo.Anne Hill (UK), Susanna Lakner (D), Michael Leigh (UK), Graciela Gutierrez Marx (Argentina), Emilio Morandi (IT), Angela e Peter Netmail (D), Clemente Padin (Uruguay), Franco Piri Focardi (IT), Claudio Romeo (IT), Karla Sachse (D), Gianni Simone (Japan), The Sticker Dude (USA), Giovanni and Renata Strada (IT), Lucien Suel (France), Rod Summers / VEC (The Netherlands), Annina Van Sebroeck e Luc Fierens (Belgium), Reid Wood (USA), Special Guest: Anna Banana.

Il processo dell'"Eternal Network" (il network eterno) della Mail Art e' riprodotto attivando uno scambio postale fra i bambini e una parte del popolo della Mail Art (30 mail artisti da tutto il mondo).

4. "Empty World" (Mondo Vuoto) - VACUUM Work Station
Progetto di Aldo Cesar Faga'.
Realizzare arte con un'aspirapolvere e una scatola per imballaggio sottovuoto costruita con materiale "povero".

5. Radio Scanner - Alla scoperta delle onde radio
Un progetto radio di Gabriele Zaverio.
Milioni di stazioni radio strane e sconosciute situate in tutto il mondo diffondono dati, informazioni e trasmissioni incredibili che possono essere ascoltate e decodificate tramite un apposito ricevitore radio. Un'antenna autoprodotta viene posta sul tetto del museo...

6. Museum Visit: A PHOTO-STORYBOARD Workshop and Project
by Simonetta Fadda.
Come realizzare uno script per un film e uno storyboard della visita al MACHmit Museum.

7. Cinema. The Lumiere Brothers' First Films Experience
Proiezione del film: "L'Arrivée d'un train à La Ciotat" (1895)
curato da Simonetta Fadda.

Installazioni

1. Ambiente a sfera
installazione di Aldo Cesar Faga'.
Installazione immersiva a 360 con una sfera sincrottica.

2. The Mirror-game (Spiegel-Spiel) by Simonetta Fadda.
con le installazioni: "Videogame" e "I is another".
Il video e' un falso specchio: giochiamo insieme con le nostre immagini televisive e riflesse nello specchio e scopriamo le differenze.

3. Klang-chromatische Energien
Instellazione interattiva di Flavia Alman e Sabine Reiff (Pigreca www.pigreca.com)
Muovendosi e interagendo di fronte allo schermo del computer, i bambini producono suoni e colori.

4. Teatro DADA
L'esperienza del teatro di Tristan Tzara (Una Dada-Soirée a Parigi, 1923).
Un'installazione interattiva di Anna Laudani e Giuliana Del Zanna.

-----------------------------------------------------------------------
Un progetto curato da Tatiana Bazzichelli
presso il MACHmit! Museum fuer Kinder (Museo per i bambini)
-----------------------------------------------------------------------

MACHmit! MuAseum fuer Kinder gGmbH
Senefelderstr. 5, 10437 Berlino
Tel: +49-30-7477 82 00
Fax: +49-30-7477 82 05
info@machmitmuseum.de
http://www.machmitmuseum.de
Direttrice: Marie Lorbeer
Stampa: Katrin Fandrich ed Edgar Steiger (Assistente)
Tel: +49-30-7477 8202
E-Mail: presse@machmitmuseum.de

La mostra-evento HACKmit e' supportata dall'Hauptstadtkulturfonds della citta' di Berlino.

Torna alla Home di AHA

AHA Links Press area Contatti