Un G8 di bugie

2009/07/04 alle 15:06

Dal 6 luglio L’Aquila sarà attraversata dal più cinico Summit G8 che la storia ricordi. Nonostante i lavori nella Maddalena fossero già stati avviati, il Governo Berlusconi ha abilmente deciso di sfruttare “l’emergenza terremoto” spostando l’intera macchina organizzativa del G8 nel territorio aquilano colpito dal sisma. Se le “opportunità e i vantaggi” offerti dal G8 non sono chiari a nessuno, ciò che sembra invece evidente è l’intento del Governo di scongiurare ogni possibile contestazione, sventolando lo “stato di emergenza” per tenere relegata la popolazione nei campi e per delegittimare chi, nonostante tutto, ha deciso di manifestare. Lo stesso “stato di emergenza” che non sembra rappresentare un problema per il Governo, quando a parlare è la popolazione aquilana [proteste: L’Aquila – Roma], così come non sembrano rappresentare un problema i 500 milioni di euro (sottratti di fatto alla ricostruzione) investiti per allestire la caserma della Guardia di Finanza che ospiterà il vertice. A completare il quadro, l’immancabile atteggiamento mistificatorio dei giornalisti, che dopo essersi distinti per sciacallaggio e bassezza umana durante i primi giorni del sisma, in questi giorni continuano a veicolare informazioni false tese a diffondere allarmismo e confusione [Il Giornale / Abruzzo24ore / Il Manifesto]. Nonostante il cinismo e le manovre del governo, anche questo G8 sarà segnato da contestazioni ed iniziative svolte sia nel territorio aquilano che su quello nazionale.


Atom Feed

RICERCA: