12/06 DOM hacklab

2009/11/26 alle 13:09

Pomeriggio per imparare ad usare il programma Cinelerra!

Domenica 6 Dicembre: Si inizia alle 14:00!
Chi ha la possibilità porti:

#Un pc con una qualsiasi versione di Linux (Ubuntu, Debian, ..)

#Cinelerra già installata

#La telecamera!

Cinelerra è il più avanzato video editor non-lineare e video compositore per Linux. E’ un software libero e open source ed è stato sviluppato da Adam Williams (formalmente conosciuto come Jack Crossfire) nel progetto di Heroine Virtual Ltd.
Per saperne di più, visita la home page di Cinelerra e del progetto SourceForge.
IL codice sorgente di Cinelerra è disponibile sotto licenza GNU General Public License (GPL).


PER INSTALLARE CINELERRA:
Qui ci sono le indicazioni in inglese per qualunque tipo di versione
e qui le trovate in italiano :)






Cos’è il software libero?
e
Il movimento open source?

Il software libero è software pubblicato con una licenza che permette a chiunque di utilizzarlo e che ne incoraggia lo studio, le modifiche e la redistribuzione; per le sue caratteristiche, si contrappone al software proprietario ed è differente dalla concezione open source, incentrandosi sulla libertà dell’utente e non solo sull’apertura del codice sorgente, che è comunque un pre-requisito del software libero.

Secondo Richard Stallman e la Free Software Foundation da lui fondata, un software si può definire libero solo se garantisce quattro “libertà fondamentali”:

Libertà 0: Libertà di eseguire il programma per qualsiasi scopo

Libertà 1: Libertà di studiare il programma e modificarlo

Libertà 2: Libertà di copiare il programma in modo da aiutare il prossimo

Libertà 3: Libertà di migliorare il programma e di distribuirne pubblicamente i miglioramenti, in modo tale che tutta la comunità ne tragga beneficio

Buona parte del software libero viene distribuito con la licenza GNU GPL (GNU General Public License), scritta da Richard Stallman e Eben Moglen per garantire legalmente a tutti gli utenti le quattro libertà fondamentali. Dal punto di vista dello sviluppo software, la licenza GPL viene considerata una delle più restrittive, poiché impone che necessariamente ogni prodotto software derivato – ovvero, che modifica o usa codice sotto GPL – venga a sua volta distribuito con la stessa licenza.

Essendo la disponibilità del codice sorgente uno dei requisiti fondamentali che accomuna il software libero ed il software open source, spesso si è indotti a considerare i due concetti equivalenti, ma in realtà non lo sono.

Un software è open source se i termini secondo i quali viene distribuito rispondono alla Open Source Definition dell’Open Source Initiative (OSI): in particolare, se una licenza rientra in tale definizione, allora tale licenza può essere dichiarata licenza open source. La definizione potrebbe cambiare nel tempo (nessuno garantisce che questo non possa accadere) e quindi è possibile che una licenza attualmente open source non lo sia nel futuro o viceversa. OSI è anche l’organizzazione che su richiesta certifica con il relativo marchio registrato il fatto che una licenza sia effettivamente aderente alla Open Source Definition.

In ogni caso, gli insiemi di applicativi designati da software libero e open source coincidono a meno di poche eccezioni. La differenza fondamentale è nel tipo di approccio: parlando di software libero si pone l’accento sugli aspetti sociologici ed etici, che sono volutamente rimossi nella visione open source.

Il software libero inoltre non deve essere confuso con il software freeware, che è distribuibile gratuitamente ma che spesso non è né software libero né open source.


calendario

31 Jul, 19:00 - Cena benefit per Gaza

Atom Feed

RICERCA: