02/20 sab DAL TRAMONTO ALL'ALBA<br>

2010/01/23 alle 12:12

CHILDREN’S FARM
progetto dell’associazione ugandease VOLSFAN e della onlus italiana FUTURE CHILDREN PROJECT

http://www.futurechildrenproject.org/PProject/main.htm

UN PO DI STORIA
L’Associazione “Volsfan: the Voluntary, liberty space for all needs” nasce e si concretizza come un progetto completo, con lo scopo sia di promuovere le attività e lo sviluppo della comunità locale in generale sia di costruire una struttura per i bambini orfani del luogo. L’idea si concretizza in progetto reale grazie all’unione di una ragazza italiana con due ragazzi del posto, uno è laureato in social work ed è Obbo Othieno, l’altro è Dan Ssemagonja ed è un volontario da 5 anni per org internazionali. Grazie all’impegno e alla forza di volontà della responsabile del progetto, Elisa Straffi, nell’anno 2009 è stato possibile costruire l’intera struttura dell’orfanotrofio per un totale di 6.000€ e uno spazio separato tra maschi e femmine con latrine, urinatoi e doccie per un costo di 850€. I beneficiari della struttura sono un massimo di 50 bambini orfani, 2 mamme sociali, 2 responsabili delle attività, e 2 direttori locali. Il costo totale della struttura è di € 13.670

FUTURE CHILDREN PROJECT & VOLSFAN
Elisa Straffi e Cecilia Panichi erano compagne di scuola, dopo 5 anni si sono ritrovate con due storie simili e lo stesso obiettivo. La Future Children Project decide di sposare anche la causa di Elisa, sostenendola e rendendola Direttrice del progetto Uganda. Consapevoli che il Viaggio è più divertente se viene condiviso, nasce così la nostra seconda collaborazione internazionale.

OBIETTIVI
Gli obiettivi della Children’s Farm sono:

* fornire ai bambini indigenti alloggio, cibo e cure mediche; * garantire una buona educazione e un’istruzione ai bambini ospitati; * promuovere e intensificare il senso di solidarietà tra i bambini orfani; * apportare l’insegnamento di alcuni mestieri della tradizione ugandese; * creare una fattoria per garantire l’autosufficienza della struttura.

Il progetto si occupa quindi di due aree principali, da una parte incentiva lo sviluppo della comunità, attraverso gruppi di lavoro, cercando di includere attivamente le donne, gli anziani e le persone affette dal virus HIV (uno dei più gravi problemi della popolazione ugandese, e una delle principali cause dell’altissima percentuale di orfani presenti sul territorio). Dall’altra parte, di urgente necessità, c’è l’obiettivo di fornire ai bambini orfani una casa, cercando così di assicurare loro un’adeguata istruzione e una propria assistenza socio-sanitaria, presupposti necessari per poter dare loro una vita “normale”, al pari di quella di tutti gli altri bambini.

ATTIVITÀ
Le attività del centro saranno rivolte da una parte all’infanzia e dall’altra alla communità locale. Per i bambini verrà garantita un’istruzione sia scolastica che extra curriculare, come laboratori di lingua, artistici e culturali. Le attività della comunità saranno agricoltura e allevamento. L’agricoltura riguarda la coltivazione di patate, pomodori, fagioli, mais, cassava, matoke e alberi da frutto. L’allevamento sarà concentrato su animali da cortile quali, maiali, polli, capre,mucche da latte e galline.

COSA MANCA

* € 350 animali da cortile: o 1 mucca da latte o 10 maiali o 10 capre o 50 tra polli e galline * € 420 finitura esterna della struttura * € 2.700 arredamento interni (letti, materassi, cucina, etc..) * € 500 pozzo * € 2.400 corrente elettrica (3 pannelli solari, 1 convertitori, 2 batterie, etc) * € 100 stalle per animali * € 300 recinzione del terreno (filo spinato e paletti di legno) * € 350 materiale agricolo (sementi e attrezzatura) * € 400 salvadanaio d’emergenza

Totale € 7.520
MANTENIMENTO

* Per i 50 bambini: o vitto e alloggio € 250 (mensile) € 3000 (annuali) o scuola € 250 (annuali) o vestiario € 150 (annuali) o cure mediche € 480 (annuali, approssimativo in base alle necessità) o attività extra scolastiche € 150 (annuali) * Per le 2 mamme sociali: € 50 (mensili, più vitto, alloggio e cure mediche) * Per i 2 responsabili attività: € 50 (mensili) € 600 (annuali) * Per i 2 direttori locali: € 110 (mensili) € 1320 (annuali) * Per gli animali da cortile: € 120 (annuali)

Totale: € 6670 (costo annuale per il mantenimento dell’intera struttura)

DIRITTI UMANI
Secondo fonti ONU oltre 30.000 minori sono stati strappati dalle loro famiglie ed arruolati a forza o ridotti in schiavitù dall’inizio della guerra. Oltre 40.000 sarebbero invece i night commuters, pendolari nella notte, che approfittano dell’oscurità per allontanarsi dalle zone di conflitto, per evitare anche di essere sequestrati. I conflitti hanno inoltre provocato circa 1.000.000 di profughi con l’insorgere di situazioni di emergenza sanitaria (epidemie di colera e scarsità di acqua). I dati sono confermati dall’Unicef: malaria, infezioni respiratorie e diarrea rimangono la principale causa di morte per bambini con meno di 5 anni. 20.000 bambini all’anno continuano a contrarre l’HIV dalle proprie madri. Quasi la metà dei due milioni di orfani dell’Uganda sono stati causati dall’Aids. Secondo l’Associazione per i popoli minacciati, solo nel 2005 sarebbero stati 19.000 i bambini morti in Uganda a causa della guerra civile e delle malattie.

http://www.futurechildrenproject.org/PProject/main.html


Atom Feed

RICERCA: