dom. h.18 Presentazione del libro «A Rugged Nation» di Marco Armiero a cura di Il Caso S. [NON SONO PREVISTI CONCERTI]

2012/09/30 alle 18:00

Aperitivo con presentazione del libro A Rugged Nation: Mountains and the Making of Modern Italy: Nineteenth and Twentieth Centuries, Cambridge: The White Horse Press, 2011; tra poco edito anche in Italia.
Discussione con Patrizia Dogliani, Santo Peli, Wu Ming2 e Sottobosco.info.

Prendiamo un paesaggio montano, guardiamo una catena montuosa, una cima qualsiasi, alpina o appenninica, cerchiamo delle associazioni d’idee. Difficilmente viene in mente la storia (e, se proprio si vuole enfatizzare l’antinomia, chiamiamola pure Storia). Invece dei legami ci sono.

Il nesso tra essere umano e ambiente è qualcosa di profondo e dibattuto, un campo di studio “classicamente” antropologico, anche se estremamente importante a livello storiografico perché ricorda quei tempi lunghi del Mediterraneo di Braudel: le attività umane scandite dai cicli lenti della natura, gli spazi divisi/uniti dal mare.

La storiografia italiana ha dato poco spazio però alla storia ambientale, dedicandogliene ancora meno quando si parla della costruzione nazionale, lasciando «che tutto questo avvenisse in un vuoto, in uno spazio senza nessun connotato» [1].

Il libro A rugged nation, che presentiamo poco prima della sua pubblicazione in Italia, parla invece di questo spazio, dando maggiore rilievo alle montagne per analizzare la costruzione della nazione come quella della natura: entrambi luoghi d’identificazione della comunità (culturale l’uno, ambientale l’altro). Le montagne diventano un esempio d’interconnessione tra l’intervento delle popolazioni sulla natura e l’identificazione (o la negazione) della nazione in conformità ad un territorio dato. Relazione d’interdipendenza dunque,e non di passività, dove si alternano vari rapporti di forza: la nazionalizzazione delle montagne e i conflitti di proprietà, il banditismo montano (sia unitario che fascista), la retorica dei battaglioni alpini a difesa dei confini patri nella Prima guerra mondiale, la lotta partigiana, ecc.

Vogliamo cogliere l’occasione non soltanto per parlare della costruzione della nazione e dello stato italiano di contro ad una montagna “ribelle” e da addomesticare, ma anche per introdurre alle dinamiche della storia ambientale e dei conflitti dell’uomo con il proprio ambiente. Lo faremo nell’ottica di allargare il discorso anche alle lotte per la salvaguardia dell’ambiente ed ai conflitti sociali che il discorso ecologista porta con sé (si pensi alla questione dell’Ilva di Taranto o dei rifiuti in Campania). Per fare questo abbiamo invitato, oltre all’autore Marco Armiero, anche Patrizia Dogliani (professoressa dell’Università di Bologna, studiosa tra le altre di fascismi europei, movimenti giovanili, storia ambientale), Santo Peli (storico della resistenza e partecipe del progetto Zapruder – storie in movimento), Wu Ming 2 (già interessato alle questioni ambientali e al lavoro di Marco Armiero) e Sottobosco.info (giornale bolognese specializzato nelle tematiche ambientali ed ecologiche). Marco Armiero, l’autore, è uno dei primi ad introdurre gli studi di storia ambientale in Italia, pubblicando un testo universitario dedicato proprio alla storia ambientale. Oltre a A rugged nation ha scritto la monografia Views from the South, sui conflitti ambientali nell’area del mediterraneo.

Più che un’intervista classica all’autore, vorremmo stimolare la discussione tra gli “invitati” e il pubblico, proiettando filmati pensati sia come fonti della narrazione dell’umanità sulla natura che come testimonianze degli eventi cruciali che problematizzano il dialogo tra essere umano e natura (come il disastro del Vajont). A seguire, e in concomitanza, aperitivo. 

Un paese accidentato, le sue montagne – Intervista a Marco Armiero

Il Caso S.

Il Caso S. è un progetto di comunicazione storica animato da studenti che provano a mettersi in gioco con l’unica "merce" di cui sono produttori: le semplici ricerche che ognuno di noi conduce quotidianamente... (dal Manifesto). 


Atom Feed

RICERCA: