Mercoledì MeryXm: proiezione di KOSOVO VERSUS KOSOVO e concerto GENTLESS3

2013/03/06 alle 20:00

Mercoledì 6 marzo

dalle 20:00
aperitivo con i vini di GustoNudo-Vignaioli Eretici
www.gustonudo.net

dalle 21:00
cena popolare

Ore 20:30

Proiezione di

Kosovo Versus Kosovo

un documentario di Valerio Bassan e Andrea Legni

A seguire incontro/dibattito con gli autori.

“Kosovo versus Kosovo” è il resoconto di un viaggio attraverso l’ultimo stato nato in Europa.

Un viaggio di tre settimane durante le quali due giovani giornalisti hanno avuto l’opportunità di raccogliere le opinioni di alcune tra le personalità più in vista delle due parti in causa (tra i quali il Segretario di Stato Serbo per il Kosovo e l’ex leader delle milizie indipendentiste dell’UÇK), ma soprattutto hanno potuto vivere la quotidianità dei villaggi serbi del Paese.

Infatti, nonostante l’indipendenza autoproclamata nel 2008 (ancora non riconosciuta da oltre la metà dei paesi membri dell’Onu e limitata dalla perdurante presenza sul territorio delle missioni di Nato, Onu e Unione Europea), le zone serbe all’interno del Kosovo rimangono realtà parallele. L’area del Paese a nord della città di Mitrovica, abitata quasi esclusivamente da serbi, è parte del nuovo stato soltanto secondo le cartine: al suo interno, infatti, il governo kosovaro non ha alcuna autorità.

Mentre a sud del fiume Ibar, che attraversa Mitrovica segnando, di fatto, il vero confine tra Serbia e Kosovo, circa 50mila serbi vivono in piccoli villaggi monoetnici sparsi un po’ su tutto il territorio. Gli abitanti di queste aree votano sindaci riconosciuti solo da loro stessi, utilizzano una propria moneta, hanno infrastrutture, scuole e ospedali gestiti direttamente da Belgrado. Cercano, tra molte difficoltà, di custodire e rivendicare una propria autonomia dallo stato kosovaro.

Gran parte dei politici e dei media di parte albanese considerano gli abitanti di quest’area solamente degli “invasati” che puntano a destabilizzare il Kosovo. L’esistenza stessa di questi villaggi viene spesso definita come un cancro interno al territorio dello stato. Tra i nazionalisti serbi, invece, gli abitanti della parte nord del Kosovo vengono elevati al rango di eroi, in quanto ultimi autentici difensori di una patria quasi perduta.

Il nostro obiettivo è stato quello di provare a raccontare la realtà quotidiana di queste “enclave” serbe attraverso le immagini e le voci di chi le abita. La realtà che abbiamo incontrato ha vari volti, che però non coincidono quasi mai con quelli che gli stereotipi vorrebbero imporre. Ha il volto annoiato dei ragazzi del villaggio di Goraždevac, che sognano di emigrare in Europa, stanchi di vivere in un paesino di mille anime, dal quale non vogliono uscire perché temono di essere aggrediti. O quello impaurito dei rimpatriati di Žač, che trascorrono lanotte con un occhio sempre aperto, in balia di un manipolo di nazionalisti albanesi che ciclicamente scatena delle sassaiole contro le loro case, nell’indifferenza della polizia locale.

E, forse sempre di più, ha il volto scaltro degli abitanti di Klokot, la cittadina dove vengono a galla i paradossi di questo stato dove, ancora oggi, comandano tutti e allo stesso tempo nessuno: politici albanesi e serbi, militari internazionali, ambasciatori, burocrati di Bruxelles, loschi individui abbastanza ricchi per farsi ascoltare. Klokot è la città dove due sindaci serbi si contendono il potere, lavorando per istituzioni rivali; è la città dove i serbi non si fanno problemi a richiedere i documenti dello stato kosovaro, nel tentativo di agevolare la propria vita quotidiana; è la città, infine, dove persino gli albanesi scendono a compromessi, richiedendo la cittadinanza del “nemico” serbo pur di ottenere un visto lavorativo valido in Europa.

Questo è “Kosovo versus Kosovo”, un viaggio attraverso i paradossi e le difficoltà di una realtà troppo presto dimenticata dai media e dai governi occidentali.

Gli autori

Andrea Legni. Giornalista freelance, vive a Roma. Collabora con il Corriere della Sera e con la rivista Terre di mezzo, realizzando principalmente articoli e video- reportage su tematiche sociali. Kosovo versus Kosovo è il suo primo documentario.

Valerio Bassan. Giornalista professionista, ventisei anni. Risiede a Berlino, da dove collabora con diversi quotidiani online italiani. Ha fondato e dirige Il Mitte, l’unico quotidiano italiano di Berlino. “Kosovo versus Kosovo” è il suo primo documentario.

www.kosovoversuskosovo.com

Ore 22:30

Concerto Gentless3

Dopo l'esordio "I've buried your shoes down by the garden" (Wild Love Records), lo split e.p. con "La Moncada" per la serie "In the kennel" (Goat Man Records/Noja Recordings) e la partecipazione alla compilation tributo ai Codeine (White Birch Records) e quella di Unomundo (con tra gli altri A Toys Orchestra, Cesare Basile, Above The Three etc. etc.) tra luglio e agosto 2012 Gentless3 sono tornati in studio. Il secondo album del trio siciliano (Carlo Natoli, Sergio Occhipinti e Sebastiano Cataudo) vedrà la partecipazione di Joe Lally (Fugazi) alla produzione artistica, l'innesto in pianta stabile di vecchi e nuovi amici (Francesco Cantone di Twig Infection/Tellaro/Colapesce e Lorenzo Azzaro) e interventi in ordine sparso di membri de L'Arsenale (Federazione Siciliana delle Arti e della Musica) tra cui Cesare Basile e Luca Adriolo (Dead Cat in a Bag).
La band si è stabilita per effettuare la prima parte delle registrazioni al Teatro Coppola - Teatro dei Cittadini, occupato sei mesi fa da un gruppo di lavoratori dell'arte e dello spettacolo dell'Arsenale, riconoscendo il contributo culturale e politico che i teatri ribelli italiani (Valle Occupato e Nuovo Cinema Palazzo - Roma, Macao - Milano, Coppola - Catania, ex Asilo FIlangieri - Napoli, Garibaldi Aperto - Palermo) stanno innescando su tutto il territorio nazionale. La band, avendo vissuto e partecipato alla liberazione e alla vita di questi spazi, ha naturalmente “catturato” il cambiamento in corso nella sua attitudine e nella sua scrittura e per questo ha scelto uno dei nodi della mutazione politico-culturale in corso come studio e spazio di sperimentazione di nuovi percorsi di interazione per la produzione artistica. L'album é stato poi terminato a Zen Arcade sotto la supervisione dello staff dello studio (Cesare Basile, Sebastiano D'Amico e Marcello Caudullo). Alcune anticipazioni del disco sono state presentate durante i concerti estivi della band, tra cui Ypsig Rock 2012 - Castelbuono. Il disco in uscita il 23 novembre del 2012, é connotato da un cambio di strumentazione radicale, dalla compresenza di strumenti acustici (banjo/mandole/etc.) ed elettronici (sinth e programming) e da un'approccio corale alle parti vocali.

www.gentless3.com

MERYXM ?!?!

Un appuntamento in più infrasettimanale, una serata più lenta rispetto alle altre, più comoda, per ascoltare senza fretta i suoni e le tematiche proposte.

Si svolgerà in sala grande, la cucina da aperitivo/cena e qualche tipo di vino e birra in più rispetto al solito.

Su RADIO TRANSIZIONEDIFASE e BANDARADIO AUDIO DISPONIBILI

Vieni a veder le foto! FOTO FOTO FOTO FOTO FOTO!! Clikka QUI!!! qui!

Naturalmente l’organizzazione è aperta, per chi vuole proporre qualche data e partecipare attivamente può trovarci il mercoledì dalle 18:30 alle 19:30, oppure scrivere a: meryxm @ indivia . net

Per i musicisti: si è scelto di far suonare gruppi strumentali di generi insoliti. Musicalmente libertà assoluta, tranne: reggae, pop, punk-hard-core, tekno, punk-rock, ..etc..
Ovvero tutti quei generi che sono già largamente diffusi e/o magari già occupano i nostri sabato sera.

l’Xm24 è un centro sociale, quindi questa iniziativa è ad ingresso gratuito e il gruppo MeryXm (baristi, cuochi, fonici e organizzatori in genere) per scelta non è pagato. Chi viene a mettere i propri contenuti o nella prima parte o nella seconda è rimborsato delle spese di viaggio ed ha offerta una buona cena.

Clikka qui per le Registrazioni audio delle serate!


Atom Feed

RICERCA: