» venerdì, 03/07/2020
merola vuole sgomberare xm24 nelle vesti del sindaco sauron del murales blu

La svolta della Bolognina

La risposta del fine settimana – XM24 risponde a: Merola, il Viminale, la società civile. Ringraziando Cucinella.

Ben ritrovati a questo spigolo politico. Chiudiamo il discorso precedente e vi lasciamo con messaggi dal futuro.

svolta_della_bolognina_merolaNelle puntate precedenti: Merola, fallito un progetto urbanistico ideato nei venti anni precedenti, sceglie una via sicura: più caserme e meno convenzioni. L’assessore Gambarelli è costretta ad un silenzio esistenziale. Ara non ha ben capito cosa stia succedendo. Mazzanti teme la repressione della repressione. Nel frattempo, le truppe si muovono.

Grazie a Cucinella, ma anche al sindaco: con le esternazioni di questi giorni rende pleonastico il ruolo di molti assessori e ci rende il compito di difesa dell’Autogestione molto più semplice. Che il Dipartimento Cura e Qualità del Territorio urbano fosse più potente di qualsiasi Capo Area Cultura lo sospettavamo. Ma che Merola usasse il climax come arma di lotta psichica era difficilmente immaginabile: le “direzioni” che l’ass. alla Cultura avrebbe potuto prendere (con noi?) sono nulla di fronte alla gradazione alcolica delle ipotesi meroliane.

Il sindaco giovedì 3 febbraio non poteva dire molto; venerdì ha scoperto una Caserma al posto di XM24; sabato ha un piano in otto punti al vaglio del Viminale con un commissariato al posto della AUSL, l’AUSL volante da Via Tiarini all’ex mercato/caserma (neppure Foucault..); domenica conferma l’esercito al Marconi. Questa settimana Merola svelerà che: il passante di mezzo è in realtà una pista dell’aeroporto, l’Ipercoop di Via Lame una base per lanci spaziali, F.I.C.O. Eataly World sarà un primo lager per vegetali.

Altro? Altro. Merola, il 4 febbraio: “Non hanno mai collaborato”. “In tanti anni di presenza non hanno mai collaborato – prosegue il sindaco – nè tantomeno socializzato con la cittadinanza, anzi l’ostilità dei residenti nei loro confronti è via via cresciuta. E, va ribadito, sono in quel posto a titolo gratuito, in virtù di una convenzione scaduta”.

Lo sanno bene quelli che stanno inviando comunicati di solidarietà, le interviste in radio degli stessi residenti, gli sms, il tam tam sui social, lo sanno bene tutti quelli che stanno parlando e protestando senza essere ascoltati, lo sanno bene le migliaia  di persone che ogni anno transitano da XM24 e in questi giorni a detta del sindaco, a quanto pare non contano nulla; ma lo sa bene anche chi nel 2013, di fronte alla nostra famigerata asocialità si è trovato svuotato di argomentazioni per distruggere un muro che asocialmente, pur di esser salvato, era stato disegnato da Blu, narrato da Wu Ming e difeso dalla città.

La sequenza delle notizie di pochi giorni ha chiarito molto. In particolare, quale non sia il margine decisionale “della Cultura”. Si può così capire quanto la “grandissima occasione” che ad una radio Gambarelli diceva “persa” sia di molti altri, non certo di chi lavora ogni giorno dentro l’XM24. Per questo l’ass. Gambarelli non ha risposto alle nostra successiva richiesta di incontro, in gennaio. Per questo non è in grado di articolare quali siano le possibilità in sede istituzionale, limitandosi a fare dichiarazioni unilaterali senza affrontare un contraddittorio con chi la smentirebbe.

Per questo non ha mai concretamente proposto “sedi alternative”. Per tutto questo, Gambarelli non può che ripetere quanto altri, più forti, hanno già confusamente fatto credere in luogo suo: per XM24, per il quartiere e per la città tutta. Però Merola è uomo di polso: “i dibattiti vengono dopo, possono anche essere interessanti, ma non hanno la precedenza”. E ormai le grandi manovre del sindaco sono un tumulto che avvince i giornali ed oscura gli assessorati. Se l’architetto Cucinella giudica “una barzelletta” (domenica 5 febbraio) l’idea della caserma al posto del centro sociale e del mercato contadino, la sostanza dell’operazione è restituita da indiscrezioni del Viminale, che si sommano alle agenzie reperibili in rete.

A breve vi sveleremo i dettagli dalle nostre gole profonde.

Check Also

Ognun* è parte del futuro e del presente

COSA PORTARTI IL GIORNO X