07/14 ven SalaVisioni <img src="/xm24/images/468.jpg" align="left" border="0" style="margin:4px" style="height:58px;width:61px" />

2006/07/03 alle 21:57

venerdi’ 14 luglio – ore 21,00

documenti d’informazione sull’Iran di oggi

TRANSSEXUALITY IN IRAN
Yasmin Vossoughian – 7 min
COMING OUT: THE YOUTH OF IRAN
Yasmin Vossoughian – 5 min

IRAN SOUS LE VOILE DES APPARENCES


THIERRY MICHEL – Belgio/Francia 2003 – 94 min – v.o. francese
L’Iran contemporaneo e la lotta tra elite teocratica e dissidenti (giovani e intellettuali) che pagano la loro disobbedienza civile con il carcere, la tortura e la morte.

PROSTITUTION BEHIND THE VEIL


Nahid Persson – Iran/Svezia 2004 – v.o.inglese – 52 min.
La storia di due giovani donne, Minna e Fariba, eroinomani e prostitute, una situazione che nell’Iran di oggi non è delle più semplici. Il film illustra come funziona la prostituzione in un paese dove essa è proibita e dove anche l’adulterio è sanzionato con la morte. La loro preoccupazione è di scegliere se portare con loro i figli piccoli quando si intrattengono con vari uomini, oppure se lasciarli a casa da soli. Descrivono la loro provenienza sociale dalla classe media e come la falsità maschile e le droghe le hanno condotte alla prostituzione.
Benché droga e prostituzione siano entrambe proibite, esse sono ovunque e questa è l’ipocrisia di fondo che la regista intende denunciare. A questa ipocrisia contribuisce la legge islamica, che sebbene sia molto rigida in tema di rapporti fra i sessi, tuttavia lascia un amplissimo margine di discrezione con l’istituto del Sighe, attraverso cui gli uomini possono comprare sesso legalmente. Il Sighe è un matrimonio temporaneo, stipulato di fronte a un Imam per cui, contro una somma di denaro, una coppia può sposarsi per un tempo limitato, variabile da 2 ore a 99 anni. In un paese dove i rapporti di forza tra i sessi sono ben definiti e dove la miseria rende tutti estremamente vulnerabili, ma le donne in particolar modo, il Sighe è un ulteriore strumento di potere e di dominio sessuale, che la regista racconta senza retorica e con incisività.


Atom Feed

RICERCA: