05/10 sab SATURA 50 <img src="/xm24/images/1047.jpg" border="0" margin: 2px /> dalle 19:

2008/05/04 alle 14:22

:::::::::satura 50 – Reflecsa:::::::::

Satura 50 nasce in primo luogo dalla necessità di riflettere sulla saturazione da immagine che caratterizza oggi lo spazio pubblico, inteso come spazio urbano, ma anche come spazio mentale, riflessione che abbiamo scelto di affrontare utilizzando lo stesso linguaggio visuale, quello che conosciamo meglio, ovvero, la fotografia, all’interno di uno spazio pubblico, quello che conosciamo meglio, ovvero, il quartiere Bolognina.

SPAZIO PUBBLICO

La “Bolognina”, storico quartiere operaio di Bologna, caratterizzato ancora oggi da una forte connotazione popolare e multiculturale subirà in questi anni una radicale trasformazione urbanistica che avrà non poche conseguenze sulla vita dei suoi abitanti.
I piani di trasformazione – realizzati o ancora in fase di progettazione – che interesseranno l’intero quartiere – Sede Unica del Comune, nuovo insediamento presso l’ex mercato, centro commerciale Minganti, area Casaralta, Nuova Stazione, riqualificazione della Bolognina Est – sono illustrati dai documenti ufficiali del Piano Strutturale Comunale e su cartelloni pubblicitari, attraverso mappe, simulazioni tridimensionali, video e immagini.
Ma attraversando quotidianamente il quartiere ci si accorge che molte strade, molti luoghi, molti soggetti che costituiscono oggi la sua stessa identità non compaiono sulla scena di questo spettacolare progetto.

MOSTRA FOTOGRAFICA

ANTI-CAMERA
Appunti di Superficie

La nostra intenzione non è quella di esibire un altro spettacolo.
In questa prima tappa del percorso visuale che affronteremo all’interno del quartiere, ci siamo limitati a raccogliere “appunti di superficie”, inquadrature anonime, sguardi discreti che potrebbero essere attribuiti ad un qualunque passante.
Nelle fotografie non compaiono figure umane. Poco fuori dal margine i testi, i documenti, i racconti di alcuni abitanti del quartiere ci svelano che queste immagini, pur fermandosi alla facciata delle case, ai marciapiedi, alle vetrine, già lasciano intravedere qualcos’altro. La percezione , attraverso l’assenza, di una presenza che non si può ignorare senza ricorrere alla menzogna.
Queste fotografie, raccolte in un quadrilatero, non sono che l’anti-camera di una realtà più profonda: lo spettacolo è altrove e gli attori non protagonisti sono rimasti nell’ombra, perché la triste commedia deve andare avanti, con o senza di loro.
Più che una mostra, Anti-Camera rappresenta per noi l’inizio di una ricerca, una ricerca che ci sembra oggi più che mai necessaria: perché fotografare questa gente? Cosa può fare per loro la cosiddetta “fotografia sociale”? C’è ancora posto per le “storie vere” nella società dello spettacolo? Oppure le loro immagini finiranno col confondersi nel grande calderone di tutte le altre immagini?

PERFORMANCE

CAMERA LUDOVICO
Saturazione Retinale

Camera Ludovico sarà una performance aperta che coinvolgerà, durante l’intera serata, i membri del collettivo Reflecsa ma anche tutti i presenti che vorranno dare il loro contributo.
L’obiettivo è quello di esporre ed esporsi ad una quantità spropositata di fotografie, di immagini dai temi più vari, allo scopo di prendere coscienza della facilità con cui oggi chiunque possa riprodurre “copie vere della realtà”. Di come si possa fotografare tutto, tutti e in qualunque momento, e talvolta, col solo risultato di alimentare, spesso inconsapevolmente, quel flusso ininterrotto di immagini, quella cura Ludovico a cui tutti siamo sottoposti ogni giorno senza che nessuno ci abbia chiesto il consenso.

INCONTRO PUBBLICO

IDEE PER L’AZIONE FOTOGRAFICA NELLO SPAZIO PUBBLICO


Crediamo che molte siano a Bologna le realtà che si muovono nel campo fotografico, spinte dalla volontà di comunicare visioni critiche dell’esistente.
Pensando che una rete di pensieri e azioni condivise sia in questo momento più che mai necessaria o quanto meno auspicabile, inviteremo tutte le soggettività fotografiche bolognesi e tutti i cittadini a
partecipare ad un incontro/dibattito aperto allo scopo di scambiare opinioni, racconti, lavori, esperienze, capaci di avviare un dialogo sul ruolo dell’immagine nella città, e di proporre strumenti e modalità di agire concretamente attraverso la fotografia nello spazio pubblico.
“Satura” vuole a questo proposito sottolineare la natura aperta di questo evento, il suo carattere di miscuglio di temi, stili, linguaggi diversi, la sua natura insieme satirica, aggressiva, funebre e conviviale.
Satura 50 vuole essere soprattutto uno spazio di incontro e di confronto, nello spirito che da sempre anima XM24, ovvero quello di un ex mercato che da vuoto, dismesso e abbandonato al degrado, rinasce come luogo pubblico di scambio e di produzione di senso.


calendario

31 Jul, 19:00 - Cena benefit per Gaza

Atom Feed

RICERCA: