antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 16.05.14
Aggressione squadrista in biblioteca: ora basta fuori i fascisti da Terni
·
AGGRESSIONE SQUADRISTA IN BIBLIOTECA: ORA BASTA, FUORI CASAPOUND DA TERNI!

CasaPound ha palesato la sua vera natura. Poco prima del comizio tenuto dal candidato sindaco Piergiorgio Bonomi, spalleggiato dal vice-presidente nazionale Simone Di Stefano, circa venti picchiatori hanno condotto un'azione squadrista all'interno della biblioteca comunale.
I fascisti, fatto il loro ingresso all'interno dell'edificio, hanno aggredito tre giovani (fra cui due donne), prima di essere allontanati dal personale della biblioteca. Eì chiaro, quindi, che il numero degli aggrediti poteva essere anche maggiore. Di fronte a quanto accaduto riteniamo doveroso esprimere alcune perplessità: come è possibile che tre giovani vengano aggrediti senza motivo? Come è possibile che un evento del genere si verifichi all'interno di una struttura pubblica e nello specifico di una biblioteca, luogo deputato all'accrescimento culturale della cittadinanza? Come è possibile che le forze dell'ordine abbiano lasciato passare, attraverso un loro cordone, questo gruppo di picchiatori? Il candidato sindaco Bonomi dov'era in quel momento? Le associazioni che si occupano della gestione della Casa del Combattente ritengono ancora opportuno ospitare all'interno dei propri locali questi individui?

I cittadini pretendono delle risposte, Terni rivendica la sua identità e ripudia ogni forma di fascismo.

--
http://bgcterni.blogspot.com/





Terni, comizio CasaPound, parla il ragazzo aggredito in Biblioteca e due testimoni: ”Un pestaggio”

22 maggio 2014

biblioteca-comunale-terni-bctSi è molto parlato dei fatti avvenuti il 16 maggio scorso nella Biblioteca comunale, poco prima che iniziasse il comizio del candidato a sindaco di Terni, Piergiorgio Bonomi, sostenuto da CasaPound (di cui è responsabile provinciale da diversi anni). Dopo quella degli antifascisti e quella dello stesso Bonomi, ora arriva la ricostruzione dei fatti realizzata dal protagonista della vicenda, l’aggredito, e da due testimoni che si trovavano in Bct al momento degli episodi. E parlano di un pestaggio vero e proprio.

Questa è la loro ricostruzione. Testimonianze di: Matteo Pacetti (gestore del bar della biblioteca), Giacomo Sirchia (vittima dell’aggressione), Giulio Marconi (testimone).

“Viste le varie ricostruzioni dei fatti, alterati anche in modo strumentale, da parte di persone sia presenti che non al momento dell’aggressione da parte di militanti di CasaPound all’interno della biblioteca comunale di Terni, ci siamo sentiti in dovere di ricostruire cronologicamente quanto avvenuto, essendo stati direttamente coinvolti. Chiariamo che è una nostra iniziativa. INDIPENDENTE.

Alle ore 16:00, durante il suo orario di lavoro, Pacetti vede entrare nel bar gli agenti della Digos i quali controllano i locali della biblioteca (bagni, bar, terrazzo, corridoi) cercando possibili oggetti atti ad offendere o disturbare lo svolgimento del comizio elettorale organizzato da CasaPound Terni e regolarmente autorizzato. Dopo le perquisizioni, gli agenti hanno stazionato nel terrazzo dalle 16:30 alle 18:30 (orario di chiusura di terrazzo, bar e biblioteca), impedendo l’accesso al pubblico dalle ore 17:30 fino a chiusura. In questo lasso di tempo Pacetti non vede entrare o uscire dal terrazzo nessuno di non autorizzato, fino a rimanere, dalle 18:00 in poi, da solo con gli agenti della Digos. Di conseguenza esclude lanci di oggetti, insulti e intimidazioni dal terrazzo stesso, oltre a non notare nessun altro comportamento provocatorio nei confronti dei militanti di CasaPound né di nessun altro presente in piazza.

Sirchia si reca in biblioteca, nella stanza “leggerissimo” (stanza che non ha finestre su piazza Solferino), a studiare dalle ore 14:00 circa fino alle 18:00, quando esce insieme a Marconi che studiava con lui. Mentre scende le scale, sul pianerottolo tra secondo e primo piano, si vede venire contro un nutrito gruppo di individui a lui sconosciuti. Costoro cominciano ad insultarlo a prima vista (“schifoso”,”vattene”,”vaffanculo”), facendo seguire alle offese verbali quelle fisiche fino ad arrivare ad un pestaggio vero e proprio. L’aprifila punta Sirchia e lo spinge con un colpo di petto contro l’angolo del pianerottolo, levandogli ogni possibile via di fuga. A quel punto, lui e altri due o tre, gli sferrano pugni al capo e al volto, procurandogli un bernoccolo sulla nuca, dolore alla mascella ed escoriazioni sugli avambracci coi quali si copriva. Una volta riuscito a divincolarsi, fugge verso il primo piano e vede la Polizia di Stato, arrivata solo in quel momento sul luogo, fermare il gruppo di facinorosi ed accompagnarli all’uscita. Sirchia a quel punto si reca al bar, dove Pacetti da del ghiaccio per attenuare il dolore.

Mentre Sirchia riponeva libri e computer nello zaino, Marconi scendeva le scale e tra il primo e secondo piano incontra un folto numero di persone salire le scale, poi scoperto che erano militanti. Arrivato al primo piano sente inequivocabilmente rumore di colluttazione e alzando lo sguardo vede le ultime file del gruppo dei militanti e Sirchia scappare in evidente stato di shock. Dopo qualche momento, Marconi vede la Polizia accompagnare il gruppo di militanti fuori dalla biblioteca.

Questi sono gli avvenimenti realmente accaduti e i diretti interessati non hanno visto o sentito altro di rilevante sulla vicenda, che riteniamo già di per sè ingiustificabile e anzi condannabile . Senza considerare che le motivazioni inventate a difesa dell’aggressione, oltre che inesistenti, sono comunque futili. Si evidenziano quindi tutte le discrepanze con le versioni che sono state raccontate e con le voci che nei giorni si sono sono susseguite sul web e per le strade. Si invitano dunque tutti i cittadini a considerare questa testimonianza come l’unica attendibile, a riflettere su un’azione volta sia a ferire un ragazzo che creare tensione tra i cittadini, perpetrata dai militanti di un movimento politico che si candida in questa città. Un’aggressione ancor più grave se si pensa che è avvenuta all’interno della biblioteca, simbolo della cultura e luogo del confronto civile.

Ci teniamo a specificare che chiunque sia interessato a fare ulteriore chiarezza sui fatti con una testimonianza diretta, è ovviamente invitato a farlo”.

http://www.ternioggi.it/terni-comizio-casapound-parla-il-ragazzo-aggredito-in-biblioteca-e-due-testimoni-un-pestaggio-40190




Tuttoggi.info - Terni studente picchiato da miltanti di Casapound in Btc

Contropiano - Aggressione fascista a Terni

azioni_fasciste
r_umbria


articolo precedente           articolo successivo