antifa home page

Il Progetto

MAPPA GEOGRAFICA AGGRESSIONI FASCISTE

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
La violenza che ci sommerge: Noi sappiamo
- Mirko minacciato davanti alla gay street da 4 ragazzi armati: “Fr*** di mer**, ti tagliamo la gola”
- Ferrara, aggressione omofoba contro un gruppo di giovani Lgbt. "Mussolini vi brucerebbe tutti"
- Aggressione omofoba ad Anzio, 22enne preso a pugni mentre passeggia insieme al fidanzato
- Torino, 13enne picchiata per la borsa arcobaleno: “Mi urlavano cagna e lesbica schifosa”
- Palermo, due ragazzi gay aggrediti con lancio di bottiglie. Uno ha il naso fratturato
- Foggia, sparano da un fuoristrada in corsa contro un gruppo di migranti: ferito al volto un 30enne del Mali
- “Gravissima violenza a San Berillo: lavoratrici del sesso massacrate dalla polizia”
- Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Lo scrittore Giorgio Franzaroli restituisce il premio Acqui Edito&Inedito: “Non voglio essere accomunato a un autore neofascista”
- A Milano i cortei contrapposti contro la guerra: da una parte i neofascisti, dall'altra il movimento antirazzista
- Apre nuovo spazio di Casapound, corteo di Firenze Antifascista
- La Sapienza, dopo le cariche occupata la facoltà di Scienze politiche
- Tensioni alla Sapienza per il convegno con FdI e Capezzone: scontri tra polizia e studenti
- Il nuovo movimento degli ex di Forza Nuova a un anno dall’assalto alla Cgil
- Bologna, femministe contro patrioti alla manifestazione "a difesa delle donne": insulti e tensioni
- Bologna Non Una Di Meno torna in piazza e dilaga: “Risale la marea!”
- Elezioni, contestatori al comizio di Giorgia Meloni a Trento: cantano “Bella ciao” e urlano “siamo tutti antifascisti”
- L’Anpi torna a chiedere lo scioglimento di Casapound alla vigilia dell’inaugurazione della nuove sede di Latina
- No alla manifestazione fascista di Casapound il 28 maggio prossimo. Lettera aperta al Prefetto di Roma
- Verona Parma: Paolo Berizzi ha presentato il suo libro Verona, la città laboratorio dell'estrema destra

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
30.01.23 Il neofascista Roberto Fiore smentito dall’Interpol: “Viveva con Gilberto Cavallini”
25.01.23 L’ex camerata in affari con Fratelli d’Italia e le bastonate ai carabinieri
9.12.22 La nuova ultradestra
18.11.22 Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
19.10.22 Giorgia Meloni firma la Carta di Madrid di Vox
7.10.22 GRUPPI NEONAZISTI USA
16.09.22 L’Europa nuovamente alle prese con l’avanzata dell’estrema destra
15.09.22 Ultradestra, la galassia nera torinese messa in crisi dall’ascesa di Meloni
10.09.22 Sette decenni di collaborazione nazista: Il piccolo sporco segreto dell'America in Ucraina
28.08.22 Inchiesta su M. 2/3
27.08.22 Antifa - Stati Uniti d'America
17.08.22 Inchiesta su M.
14.08.22 Casa scout sulle colline riminesi nella bufera, "è una colonia fascista". I gestori: "Affittiamo a tutti"
12.08.22 Ucraina. Casapound, Settore Destro e Azov: una lunga storia tra camerati che risale al 2015
4.08.22 La fabbrica della propaganda nera di Giorgia
4.08.22 La Gioventù di Meloni ai ritrovi neonazisti con ultras e pregiudicati
30.07.22 Profonda destra
25.06.22 Eterni fascisti e Russia eterna
27.05.22 Capaci, l’ex pg di Palermo Scarpinato: “In un documento ufficiale del 1992 si parla del coinvolgimento di Delle Chiaie nella strage”
24.05.22 Portogallo. Gli ucraini chiedono a Lisbona di bandire il Partito Comunista
24.05.22 Strage di Capaci, s’indaga di nuovo sulla pista nera e su Delle Chiaie
19.05.22 Nazismo da Esportazione - Come gli USA forniscono nazisti all'Ucraina
14.05.22 Gli orrori neonazisti in Ucraina e la guerra senza fine della Nato
21.04.22 La guerra in Ucraina e i “nazisti bravi” del battaglione Azov
14.03.22 La guerra in Ucraina divide i neofascisti d’Europa: l’allarme dell’intelligence

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superati i due milioni di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | estrema destra USA | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 18.11.22
Quel filo che dall’Ordine di Hagal arriva a CasaPound
·
Scandagliando il disegno eversivo scoperto dalla procura di Napoli e la sponda con il Battaglione Azov, Franco Freda del disciolto Ordine Nuovo e Steve Bannon, l’ideologo di Donald Trump che ha provato a fare base in Italia, appaiono evidenti i legami con la tartaruga frecciata

Su indicazione della Procura di Napoli quattro persone sono state arrestate perché ritenute pronte ad azioni terroristiche, una trentina le perquisizioni personali domiciliari. Si tratta di un network che si dirama dal cosiddetto Ordine di Hagal, gruppo attivo dal 2018 e già dall’anno dopo sotto lo sguardo delle forze di polizia, che nel maggio 2021 operano delle prime perquisizioni alla ricerca di armi.

Il video che mostra il materiale sequestrato ieri lascia intravedere il classico armamentario di questi ambienti, collezionato più perché utile alla definizione di sé che all’immediatezza offensiva. Le baionette, i manganelli, l’ascia bipenne in versione mignon e la maschera antigas costituiscono anche un feticcio, oltre che essere delle armi.
L’apprezzamento dell’Ordine di Hagal per Vox Italia, poi confluito in ItalExit alle ultime elezioni

Ma nelle immagini, fra i vari oggetti, ne risaltano in particolare due: il libro Valhalla Express e la maglietta del Fronte Europeo per la Siria. Entrambi riconducono a CasaPound Italia.

Del Fronte Europeo per la Siria avevamo già detto in una nostra precedente ricerca: si tratta di un’associazione che si vuole europea, ma è essenzialmente italiana, di fatto egemonizzata da CasaPound. Più volte la tartaruga frecciata ha esibito le bandiere del Fronte accanto alle proprie e ha inviato in Siria i propri dirigenti per incontri con esponenti del regime, nell’ottica del sostegno a Bashar al-Assad. Il legame è abbondantemente documentato e in maniera ripetuta nel tempo.

L’altro – il libro Valhalla Express – è, come recita il sottotitolo, “la storia di un nazionalista, rivoluzionario e volontario ucraino nel Battaglione Azov”. L’autore si firma solo col nome di battaglia e narra appunto della propria militanza nell’estrema destra neonazista in Ucraina, poi dell’approdo alle armi, fino alle azioni sul campo di battaglia del Donbas. Uno dei due curatori della versione italiana del volume è Domenico di Tullio, storico militante e avvocato di CasaPound, personaggio politico di primo piano del gruppo neofascista. L’altro è Andrea Lombardi, che con CasaPound si è candidato alle elezioni. Lombardi è anche il fondatore della casa editrice che pubblica il libro, ovvero Italia Storica, che “ha per oggetto lo studio, la diffusione e l’approfondimento della storia militare, con particolare riguardo alle Forze Armate dell’Asse nella seconda guerra mondiale” e che, come risulta evidente dalle ricorrenti interviste con il Primato Nazionale, fa parte dell’ecosistema culturale di CPI.

Se vi siano legami diretti fra gli arrestati e CasaPound lo valuteranno gli inquirenti, ma è evidente come il mondo del neofascismo “emerso”, che si organizza in maniera palese in sigle di movimenti e associazioni e che dialoga con i partiti e le istituzioni, si intrecci con quello “sommerso” ed esistano scambi di varia natura. Quanto testimoniano quelle immagini è un incontro di natura culturale e politica: qualcuno fra gli arrestati si è nutrito di materiale proveniente dal circuito di cui si circonda la tartaruga frecciata.

Che poi vi sia un qualche legame con Forza Nuova invece pare assodato: uno degli arrestati è stato un militante di quel partito. E per “legami” qui non intendiamo comunque tessere di iscrizione o affiliazioni ufficiali, intendiamo invece l’aderire ad un ambiente ampio che permette contatti, interazioni, la condivisione di un’idea generale del mondo e di almeno parte degli obiettivi.

Infine la questione tocca, come ricostruito da Il Domani, anche Franco Freda e Steve Bannon a conferma del fatto che non solo nessun gruppo terrorista è mai isolato e che non esistono “lupi solitari” ma che invece le connessioni sono sempre attivamente ricercate, sono molteplici e su più livelli.

La pericolosità delle formazioni dell’estrema destra neofascista organizzata non sta nei modi – hanno oramai assorbito le “regole del gioco” democratico, partecipano alle elezioni, modulano la propria comunicazione in modo da adeguarsi agli stilemi contemporanei – sta invece negli obiettivi.
Ovvero: affrontare questa sfida solo come una sfida alla sicurezza è solo affrontare i sintomi e non il problema. E per quanto, come dimostrato innumerevoli volte le forze di polizia italiane siano state in questo settore all’altezza del compito, è alla politica che deve essere richiesto di affrontare la questione. Perché è una basilare questione politica, una questione di salute della democrazia.

https://www.patriaindipendente.it/persone-e-luoghi/inchieste/quel-filo-che-dallordine-di-hagal-arriva-a-casapound/

documentazione
r_campania


articolo precedente           articolo successivo