antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 4.11.07
Roma: squadristi contro i rumeni Con bastoni, spranghe e coltelli
·

Squadristi contro i rumeni Con bastoni, spranghe e coltelli
La vendetta a Roma: tre feriti gravi

Italiani armati di bastoni, spranghe e coltelli hanno aggredito tre romeni a Torre Angela, alla periferia a sud-est di Roma. Il raid è scattato alle 20.30 di venerdì, tra via Casilina e via di Torraccio di Torrenova, in un parcheggio di un supermercato, dove bivaccano solitamente parecchi cittadini stranieri. Secondo le testimonianze raccolte dai carabinieri, che si occupano delle indagini, il raid è stato compiuto da otto-dieci italiani, tutti con i volti coperti da caschi e passamontagna.

Dei tre cittadini romeni, uno, Emil Marcu, di 47 anni, è ricoverato in prognosi riservata, ma non corre pericolo di vita, al Policlinico di Tor Vergata. I medici gli hanno riscontrato una profonda ferita alla schiena provocata da una coltellata e un trauma contusivo alla testa molto forte. Gli altri due feriti sono stati invece ricoverati nell’ospedale di Frascati per contusioni ed escoriazioni su tutto il corpo. Nel parcheggio, tra una quindicina di auto in sosta, sono rimasti vetri rotti e bottiglie spaccate ed in un lato, in terra, bottiglie di vetro, lattine e cartaccia, un secchio della spazzatura, un maglione e fogli di giornali che testimoniano come quell’area fosse un luogo di ritrovo degli immigrati, quindi un luogo cuii gli squadristi sono andati a colpo sicuro.

«Dalla mattina alla sera stanno seduti a bere o a mangiare, ma anche in attesa di qualche lavoretto. Stanno buttati da una parte – racconta un uomo – e spesso litigano anche tra di loro». «La sera a volte si ha veramente paura a prendere il trenino» aggiunge una ragazza riferendosi alla linea regionale Roma-Pantano, che dalla periferia sud della capitale porta fino alla stazione Termini, percorrendo tutta la via Casilina. «C’è bisogno di controlli – ribatte un altro abitante – perchè la gente qui ha bisogno di sicurezza».

A molti in città è venuto il sospetto che il raid possa essere la «risposta» all’aggressione mortale di Giovanna Reggiani, di cui è accusato proprio un romeno, soprattutto dopo le urla della destra in questi ultimi giorni. Gli investigatori non confermano, soprattutto perchè Torre Angela è a sud-est della città e Tor di Quinto, dove è stata uccisa la Reggiani, a nord. Tra le due zone ci sono oltre 20 chilometri di distanza e in comune non hanno nulla.

Immediata la condanna del sindaco della capitale, Walter Veltroni, che ha usato la parola «vendetta». «In un momento come questo occorre la più grande responsabilità da parte di tutti», ha sostenuto Veltroni, che ha lanciato un appello perché «i toni e i comportamenti siano ispirati ai valori della convivenza civile e non della vendetta». Per il ministro della solidarietà Paolo Ferrero «la responsabilità di atti del genere va imputata a chi soffia, in questo momento così delicato dopo la tragedia di Roma, sull’intolleranza e sul razzismo». «La vendetta e l’odio – ha sostenuto anche il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo – non sono mai la risposta». E c’è che chi la pensa in maniera estremamente diversa. Fabio Sabbatani Schiuma, portavoce romano de “La Destra” (il nuovo partito di destra di Storace e di “Er Pecora” Buontempo): «l’aggressione di Tor bella Monaca è il frutto del clima di esasperazione».

unita’ on line


Da La Repubblica

“Questa barbarie frutto dell’odio”
L´assalto con bastoni e accette davanti al supermercato di Tor Bella Monaca. Da Marrazzo a Smeriglio: “Qualcuno ha soffiato sul fuoco”. Veltroni: “Il raid anti-romeni? La vendetta è estranea ai nostri valori”. Prc: “Questi fatti dopo la campagna portata avanti dalla destra”

di Carlo Alberto Bucci

«Esprimo la mia condanna più grande per quanto avvenuto a Tor Bella Monaca. In un momento come questo occorre la più grande responsabilità da parte di tutti». È la reazione immediata del sindaco Walter Veltroni. «L´odio, le strumentalizzazioni di qualsiasi genere e da qualunque parte vengano, sono estranee ai valori della nostra comunità. Mentre siamo impegnati in un´azione difficile per tutelare la sicurezza dei cittadini voglio rivolgere un appello perché i toni e i comportamenti siano ispirati ai valori della convivenza civile e non della vendetta» ha aggiunto il leader del Pd.

«La vendetta e l´odio non sono mai la risposta. Abbiamo il dovere di applicare la legge e fare giustizia, non di vendicarci. Avevo appena detto che dobbiamo piantarla di soffiare sulle braci dell´emotività perché è da irresponsabili. Ed ecco il risultato: tre romeni pestati a sangue» ha dichiarato il presidente della Regione Piero Marrazzo. L´assessore alle Politiche sociali del Campidoglio, Raffaela Milano: «Il raid di Tor Bella Monaca è un episodio gravissimo, estremamente preoccupante. Ma aspettiamo con ansia di capire la dinamica dell´aggressione. Temiamo che sia il frutto della violenza xenofoba».

Forte la risposta di Massimiliano Smeriglio: «Ecco fatto, chi semina vento raccoglie tempesta», dichiara il segretario romano di Prc. «Erano giorni che mi appellavo perché non si gettasse benzina sul fuoco dell´intolleranza». Smeriglio cita le dichiarazioni di Gianni Alemanno, leader di An a Roma: «È arrivato a dire che bisogna mandare via 20mila romeni, sembra una deportazione. E ora mi aspetto che Gianfranco Fini vada a fare un comizio anche a Tor Bella Monaca, dopo il discorso alla stazione di Tor di Quinto».

Per Fabio Sabbatani Schiuma (la Destra), «l´aggressione di Tor Bella Monaca è un gesto da condannare ma è il frutto del clima di esasperazione. Nessuna giustificazione, ma certi politici che hanno gravi responsabilità si assumano le colpe di ciò che non è stato fatto e dello sciacallaggio visto dopo l´omicidio di Giovanna Reggiani».

(03 novembre 2007)


Da L’Unità

Tor Bella Monaca, si indaga sull’estrema destra

Lesioni gravi. È per il momento il reato ipotizzato dalla Procura, che potrebbe però anche, a quanto si è appreso, scegliere di ipotizzare il reato più grave di tentato omicidio. Contestazione, allo stato contro ignoti, è che potrebbe subire della variazioni anche in relazione alle condizioni di salute dei romeni che si trovano in ospedale a seguito del raid. Quello che gli inquirenti stanno cercando di capire è se nel gesto vi sia un qualche collegamento con l’estremismo politico, cosa che se confermata potrebbe determinare un aggravamento delle ipotesi di reato.

L’inchiesta è condotta dal pubblico ministero Stefano Pesci, al quale sono stati delegati gli accertamenti. Il magistrato riceverà a breve un informativa dei fatti da parte delle forze dell’ordine.

Già nella notte di venerdì sono state fatte perquisizioni, ma da fonti investigative si apprende che in giornata i militari potrebbero effettuarne altre.

Un’indagine non facile, che al momento non può essere supportata da elementi certi. Sembra infatti che le telecamere del supermercato non abbiamo ripreso nulla che possa servire al lavoro di ricostruzione dei carabinieri. Anche i testimoni, sia cittadini italiani sia romeni, hanno dato fino a questo momento particolari poco chiari per identificare il commando composto tra le otto e le dieci persone. Erano tutti con il volto coperto e soltanto uno di loro ha parlato urlando frasi contro i romeni che si trovavano nel parcheggio del supermercato.

Anche i feriti ricoverati negli ospedali di Roma, a Tor Vergata e in quello di Frascati, sono stati nuovamente ascoltati questa mattina dai carabinieri.

Intanto sono stazionarie e non preoccupanti le condizioni del romeno di 47 anni ricoverato al Policlinico di Tor Vergata, il più grave dei tre feriti. L’uomo ha riportato una ferita abbastanza profonda alla regione dorsale, dovuta a un’arma da taglio (probabilmente un coltello). Operato venerdì notte senza complicazioni, è assistito dalla moglie.

Pubblicato il: 03.11.07


Da L’Unità

Raid anti-rumeno, s’indaga nell’estrema destra. Protesta Bucarest

Il ministero degli Esteri romeno«condanna fermamente» il raid punitivo avvenuto venerdì notte nel parcheggio di un supermercato alla periferia di Roma, come pretesa reazione all’uccisione di Giovanna Reggiani. In un comunicato diffuso sabato mattina a Bucarest, si chiede alle autorità italiane di «indagare con urgenza sul caso, identificare e punire i colpevoli».«L’opinione pubblica romena nel suo insieme si aspetta che le istituzioni italiane prendano le misure necessarie perché simili atti xenofobi non si ripetano» si legge in una nota al governo di Roma.

Una spedizione punitiva nata dall’intolleranza o un raid «giustizialista», con una matrice politica ben precisa di destra. Queste le ipotesi principali prese in esame dagli investigatori dei carabinieri, che stanno cercando di chiarire l’origine e la dinamica esatta di quanto è avvenuto venerdì sera nel parcheggio del supermercato Lidl di Tor Bella Monaca Lesioni gravi: è questo per il momento il reato ipotizzato dalla Procura, che potrebbe però anche, a quanto si è appreso, scegliere di ipotizzare il reato più grave di tentato omicidio. Contestazione, che allo stato delle indagini- che fanno capo al pubblico ministero Stefano Pesci – è ancora contro ignoti. Si indaga però nell´estrema destra, forse dello stesso quartiere dove si è verificato l´episodio squadrista.

Secondo le testimonianze di italiani e rumeni, ancora poco chiare però, pare che la banda criminale fosse composta da otto-dieci persone. Tutti a volto coperto. E che soltanto uno di loro abbia parlato urlando frasi contro i romeni che si trovavano nel parcheggio del supermercato.

I tre feriti non hanno un lavoro fisso ma solo occupazioni saltuarie ma sono senza precedenti penali. Sono ricoverati negli ospedali di Roma, a Tor Vergata e in quello di Frascati e nei loro letti sono stati nuovamente ascoltati sabato mattina dai carabinieri. Stzionarie e non preoccupanti le condizioni del più grave dei tre, 47 anni, ricoverato al Policlinico di Tor Vergata. L’uomo è stato a quanto pare accoltellato alla schiena e ha riportato una ferita abbastanza profonda. Operato venerdì notte senza complicazioni, è assistito dalla moglie, rumena anche lei.

Pubblicato il: 03.11.07

azioni_fasciste
r_lazio


articolo precedente           articolo successivo