antifa home page
Il Progetto

magliette
Sostieni il progetto

Segnalazioni e commenti


su Twitter @Infoantifa
manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Atene, le conclusioni del meeting antifascista europeo
Milano 25 apr: Partigiani in Ogni Quartiere torna in Piazzale Cimitero Maggiore
Saronno Antifascisti a Porro: “Sii coerente: approva la delibera Anpi per arginare Forza Nuova”
Reggio Emilia. 1 aprile 2014: Diritto alla resistenza!
Bergamo Pacì Paciana e Casa Pound divisi dalle forze dell’ordine
Contro la “Marcia su Venezia” cresce l'adesione. Oltre 500 firme.
"Marcia su Venezia": la città si mobilita contro Forza Nuova
Rimini 22 marzo: gli antifascisti si riprendono la città
Vicenza Manifestazioni per i Rom, attesi due cortei Serata di alta tensione domani in città
Venezia Scontri in stazione tra Forza Nuova, “forconi” e centri sociali

ARCHIVIO COMPLETO
INTERNAZIONALE
ARCHIVIO REGIONI

Links
· ANCR
· ANPI
· ANPI Pianoro
· ANPPIA
· Antifaresistance
· Antifascismo
· Archivi della Resistenza
· Brigata Fratelli Rosselli
· Brigate di Solidarietà Attiva
· Campi di Sterminio
· Circolo Giustizia e Libertà
· controappuntoblog
· dax resiste
· Fondazione Cipriani
· Fondazione Memoria della Deportazione
· fuochi di resistenza
· Giuseppe Scaliati
· Informa-azione
· La resistenza sconosciuta
· Maldestra radio
· Misteri d'italia
· Ngvideo antifa
· Nuova alabarda
· Osserv. dem. antifa
· Osservatorio sulla Repressione
· Paolo Dorigo
· Parma Antifascista
· puglia antagonista
· Radio Vostok
· rednest.org
· Reti invisibili
· Staffetta
· Storie dimenticate
· Stragi di stato ipertesto
· Valerio Verbano
· Verità per Renato
· Wu Ming
· Zic
· Zona 8 comitato antifascista

calcio | stragi e terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |

pubblicato il 12.11.12
Abruzzo. Ronde notturne a caccia di immigrati
·
12 novembre 2012- Arrivano i giustizieri della notte e la legge fai da te a Luco dei Marsi, piccolo centro nel cuore dell’Abruzzo, tra Avezzano e i confini della Ciociaria.

Paese di seimila anime di cui quasi 900 immigrati, situato nell’altopiano del Fucino, è una distesa di campi dove vengono coltivati, tra gli altri ortaggi, patate, carote, barbabietole; dove un esercito di albanesi, magrebini, rumeni, bulgari, macedoni lavorano per tre mesi all’anno e per i restanti nove sopravvivono con piccoli lavoretti in nero, alcuni, purtroppo si dedicano allo spaccio.

Troppi stranieri secondo gli abitanti di Luco de Marsi e, così, da fine settembre è iniziato un forte e violento risentimento contro di loro; ed è così che è cominciata una vera e propria caccia all’uomo senza distinzione tra buoni e cattivi, regolari e irregolari; e le ronde notturne.

L’ultimo episodio, in ordine di tempo, e che ha fatto saltar fuori la faccia di un’Italia razzista e, forse, stanca, è successo venerdì scorso, quando due agricoltori marocchini, fermi nella piazza del paese, sono stati circondati; uno dei due riesce a fuggire, l’altro si risveglierà il giorno dopo in ospedale. L’uomo che è riuscito a sfuggire all’aggressione ha poi raccontato di aver riconosciuto uno degli assalitori: “Ho riconosciuto il figlio poliziotto del sindaco di Luco dei Marsi”.

Un altro marocchino, assalito il 25 settembre, avvalla la tesi secondo cui sia il figlio del sindaco a capo di questi raid notturni; ha, infatti, raccontato di essere stato fermato per dei controlli, da un uomo con in mano il tesserino identificativo della Polizia di Stato; dopodiché sarebbero sopraggiunti altri tre uomini che messo al muro l’extracomunitario lo avrebbero picchiato con spranghe di ferro.

Si apprende anche che, oltre ad essere le prede di vere e proprie spedizioni punitive, gli immigrati che giungono in queste zone per lavorare nei campi, oltre ad essere schiavizzati con paghe al limite della fame, sono anche ricattati dal racket dei padroni degli orti, sono costretti a pagare un pizzo o un obolo ai proprietari terrieri affinché questi stipulino un falso contratto di lavoro per ottenere il permesso di soggiorno.

Ora che il caso è balzato agli onori della cronaca, nei prossimi giorni o forse già nelle prossime ore, si conosceranno i nomi dei giustizieri che girano indisturbati tra le campagne abruzzesi.

Fonte: articolotre

azioni_fasciste
r_abruzzo


articolo precedente           articolo successivo