antifa home page

Il Progetto

AGGRESSIONI RAZZISTE - CRIMINI DELL'ODIO
Modena, "Torna nel tuo paese" aggredito a bastonate e colpi di machete
- Aggressione omofoba a Pescara. Ragazzo gay assalito da un branco di sette persone
- Palermo, spedizione razzista contro bengalesi in un negozio etnico: 11 persone arrestate
- Potenza, aggredita in strada perché lesbica: «Le persone come te devono morire»
- Ballerino aggredito perché gay a Altopascio, braccio rotto all'amica che lo difende
- Firenze, studente di 26 anni preso a calci e pugni perché gay
- Anzio, due ragazzi aggrediscono migrante a bastonate
- Vercelli, vicepresidente del Consiglio comunale contro gay e lesbiche: "Ammazzateli tutti"
- Polonia, botte e insulti al gay-pride di Bialystok
- Foggia, sassaiola contro gli immigrati che andavano al lavoro: due feriti
- Bologna, aggressione omofoba davanti alla discoteca: partono schiaffi e pugni
- "Riapriremo i forni di Auschwitz": bambino ebreo aggredito in una scuola di Ferrara

manifestazioni MANIFESTAZIONI E INIZIATIVE ANTIFASCISTE
Giulietti: "La Costituzione antifascista non è in lockdown, guai se la Rai dà spazio agli squadristi"
- Torino «È inaccettabile processare gli studenti per antifascismo»
- Bologna In piazza Carducci solo gli antifa
- Vicenza, in 1.500 da tutto il Veneto per la manifestazione antifascista
- Roma, i partigiani contro il raduno al Circo Massimo degli ultras d'estrema destra: " Va vietato"
- Verona Blitz a Porta Leoni per ricordare Nicola Tommasoli
- Foibe, tafferugli all'università di Torino per il convegno con Moni Ovadia: quattro fermati
- L'occupazione di Forza Nuova in via Taranto diventa lo Skull pub, scatta la protesta: "Sgombero immediato"
- Roma cancella le strade dedicate ai fascisti: al loro posto le vittime dell'Olocausto
- Roma, Anpi denuncia Casapound e Forza Nuova: “Violenza e apologia di fascismo”
- Torre Maura, sfilata antifascista ma senza sinistra. Fiano: “Faccio autocritica, il Pd non è presente qui in veste ufficiale”
- Lodi, presidio antifascista in Cgil dopo attacco Forza Nuova

ARCHIVIO COMPLETO

ARCHIVIO REGIONI

documentazione Documenti e Approfondimenti
19.12.20 Casapound: convegni, nuovi slogan e alleanze elettorali. L'idillio tricolore tra la "tartaruga nera" e Meloni
19.12.20 L'ultradestra torna a casa: abbandona Salvini e abbraccia Fratelli d'Italia
12.12.20 Report: Cinque sfumature di nero 07/12/2020
10.12.20 Anastasia, la setta bio-nazista che spaventa la Germania dalla nostra corrispondente
3.12.20 I vecchi mostri La destra estrema è qui per restare, ma non si deve smettere di combatterla
12.11.20 Neonazisti, franchisti e ultradestra: la rete fascista che cavalca le proteste in tutta Europa
9.11.20 Stati Uniti, i 940 "gruppi d'odio" che mettono in stato d'allerta l'Fbi dopo la sconfitta di Trump
8.11.20 Chi c’è dietro il gruppo di Giorgia Meloni
6.11.20 Covid, se l’ultra destra arruola negazionisti e capi delle proteste
27.10.20 Sicilia: Galassia nera, ultrà e capipopolo: ecco chi soffia sul fuoco dell’ira
21.10.20 Il popolo no mask che nasconde l’ultradestra
19.09.20 Ultras Lazio, la sede di Diabolik sarà sgomberata, il cerchio sulla morte si stringe
2.09.20 Fascisti, no-vax e complottisti di QAnon: chi sono i negazionisti in piazza il 5 settembre
28.08.20 Ribelli, mercenari e faccendieri: l’italiano Elio Ciolini alla conquista del Centrafrica
24.06.20 Il "modello" Vicenza, dove neofascisti ed estremisti siedono al Palazzo
23.06.20 Toh, l'interesse dei neofascisti di CasaPound per la periferia era solo un bluff in favore di tv
22.06.20 Estrema destra, terrorismo nero (anche italiano) non è solo su Internet: ha armi, bombe, razzi e progetta attentati contro musulmani ed ebrei
17.06.20 Cosa si muove dietro l'alleanza nera tra neofascisti, ultras e no 5g
16.06.20 Il movimento Boogaloo (Usa)
8.06.20 Nel palazzo occupato da Casapound a via Napoleone III nessuno è indigente
4.06.20 George Floyd – Paramilitari, suprematisti bianchi pro-Trump e anarchici: la galassia di gruppi che infiltra la protesta negli Stati Uniti
29.04.20 Report: Il virus nero
29.04.20 Chi è Roberto Fiore? Biografia, affari e storia politica del leader di Forza Nuova
29.04.20 Strage di Bologna: così i neofascisti avrebbero pianificato la fuga prima della bomba
24.03.20 Mafia, quattro condanne per l’uccisione dell’avvocato Fragalà

La mappa geografica delle aggressioni fasciste:
superato il milione di accessi"

RICERCA PER PAROLE CHIAVE: Forza Nuova | Casa Pound | calcio | terrorismo | partigiani | libri | scuole | antisemitismo | storia | csa | skinheads | omofobia | stragismo | gruppi di estrema destra | la memoria delle vittime |


Informazione Antifascista 1923
Gennaio-Febbraio - a cura di Giacomo Matteotti ·


pubblicato il 2.03.05
- Bg di nuovo al paci paciana
·

1 marzo 2005

NUOVO ATTENTATO FASCISTA CONTRO IL CENTRO SOCIALE PACI PACIANA
01 Marzo 2005 – 15.42 Durata: 9 minuti 49 secondi
Questa notte c’è stato un nuovo attentato fascista a Bergamo contro il centro sociale Paci Paciana: due locali, il bar del capannone concerti e lo spazio dibattiti detto bunker, sono stati danneggiati da bottiglie incendiari. i fascisti sono penetrati nell’area del centro sociale che già era stato colpito da un attentato il 21 dicembre.

audio Carletto del cs paci paciana :
Scarica il servizio da radio onda d’urto
———————————————-
indy- eco di bergamo

Dopo aver dedicato per settimane la prima pagina ad attacchi al Pacì sulla convenzione e sulle scritte (!!!!!) fatte durante il corteo del 12 (che hanno indignato e “colpito al cuore” il qutidiano e la “civile” cittadinanza benpensante), oggi L’Eco dedica un articoletto in fondo alla cronaca cittadina al rogo che ha nuovamente devastato il Pacì. Se ne deduce che lanciare molotov è meno grave di scrivere sui muri..

Nuovo raid, rogo devasta il Pacì Paciana
Incendio doloso nel baretto e nella sala prove sotterranea: a dicembre un episodio analogo «È stato un gruppo di neofascisti». Gomme tagliate all’auto della Digos, intervenuta per controlli

I vigili del fuoco intervenuti al Pacì Paciana dopo il rogo di ieri (foto Bedolis)
Un altro rogo, di origine senza dubbio dolosa, ha devastato il baretto della sala concerti e il cosiddetto «bunker», la sala prove sotterranea del centro sociale Pacì Paciana di Grumello del Piano. Si tratta del secondo episodio del genere che interessa il Pacì dall’inizio di dicembre: in questo caso il rogo arriva a poche ore di distanza dalla presa di posizione del sindaco Roberto Bruni che, lunedì sera in Consiglio comunale, aveva confermato il congelamento della convenzione col centro sociale, visto che i frequentatori non si erano scusati con la città per il raid in centro del 12 febbraio scorso.
A scoprire il rogo di ieri è stato, attorno alle 13,30, uno dei giovani del centro: a quell’ora l’incendio si era già spento da solo. I danni sarebbero rilevanti. Il cancello d’entrata del centro sociale è stato trovato forzato, pare con un piede di porco. Stessa sorte anche per la porta in ferro che conduce al baretto della sala concerti: sembra che l’interno del locale sia stato cosparso con del liquido infiammabile e che il fuoco sia stato appiccato dall’esterno con una miccia. Analoga procedura anche per il bunker sotterraneo, mentre sul terrazzino davanti all’ingresso di un ufficio – noto come «infospaccio» – sono state trovate le tracce di due bottiglie incendiarie.
In pratica il rogo ha interessato i locali non andati distrutti nell’incendio dello scorso dicembre, vale a dire il bar, gli uffici e l’archivio della cosiddetta «torretta». Sul posto sono arrivati gli agenti della polizia locale e i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza quattro bombole del gas sfiorate dall’incendio: due si trovavano infatti nel bunker, un’altra nel baretto e la quarta all’esterno. Quest’ultima era circondata da grossi bulloni e da palline di piombo: un’eventuale esplosione – comunque da escludere secondo i vigili del fuoco – li avrebbe trasformati in proiettili impazziti. Sul posto anche la Digos, che ha ricostruito l’accaduto. Tra l’altro mentre gli agenti si trovavano all’interno del centro sociale alla loro auto sono state tagliate le gomme.
La polizia conferma che il rogo è senza dubbio un atto doloso: nelle indagini non verrà trascurata alcuna pista. Gli autori del gesto non hanno rivendicato l’incendio. Secondo i frequentatori del centro, che accusano un gruppo di «neofascisti», ieri pomeriggio era comparsa una scritta «Nazi Bergamo» nei pressi della rotatoria di Curnasco: sarebbe questa, secondo i giovani del Pacì, la firma dell’attentato. I frequentatori del centro avevano lasciato la sede attorno all’1,30 della notte tra lunedì e ieri, al termine di un’assemblea. Il rogo è stato scoperto per caso 12 ore dopo, esattamente come era accaduto per il primo incendio.
La posizione ufficiale dell’Amministrazione dopo il rogo è affidata all’ufficio comunicazione del Comune: «L’Amministrazione è fortemente preoccupata per quanto è accaduto e per le conseguenze che questo fatto ha comportato. Stiamo seguendo attentamente le indagini e, nel caso vengano trovati i responsabili, il Comune è pronto a costituirsi parte civile per tutelarsi, in quanto proprietario dello stabile».
Nel primo pomeriggio di ieri al centro sociale di Grumello è arrivato anche il consigliere diessino Rocco Gargano, che ha commentato: «C’è purtroppo qualcuno che vuole mantenere alto il livello di tensione e che non vuole far riprendere le attività ai ragazzi del centro sociale. A questo punto ci auguriamo che alcuni esponenti politici mostrino un livello di indignazione nei confronti dell’incendio quantomeno analogo ai risentimenti espressi contro i giovani del centro sociale dopo la manifestazione del 12 febbraio, che è stata esecrabile per le scritte e per i danneggiamenti, ma durante la quale non si sono registrati episodi di violenza contro le persone. Credo ci sia un progetto ben preciso dietro questi episodi e che non si tratti di casi isolati. La situazione è grave: rischiamo di raggiungere un clima di tensione da Anni Settanta».
Sull’episodio è intervenuto anche il coordinatore provinciale dei Verdi, Marcello Saponaro: «È necessario individuare e arrestare al più presto i responsabili dell’ennesimo incendio doloso al Pacì. Invito inoltre il centrodestra a non aizzare gli animi contro il centro sociale: gli errori li fanno tutti, ma i violenti sono altri. I giovani del Pacì la violenza la stanno subendo dallo scorso agosto: prima l’aggressione in Città Alta, poi l’incendio al centro sociale, la molotov e ora un nuovo incendio e nuove molotov». Saponaro annuncia anche che i senatori verdi Fiorello Cortiana e Natale Ripamonti nei prossimi giorni presenteranno un’interrogazione urgente al Governo in merito all’incendio. Marco Sironi di Rifondazione e Alessandro Bresmes dei Giovani comunisti, oltre a condannare l’episodio, invitano invece il sindaco Bruni a riconsiderare la convenzione coi ragazzi del Pacì.
Fabio Conti

azioni_fasciste
r_lombardia


articolo precedente           articolo successivo